Un’economia circolare è un ciclo continuo di sviluppo positivo che preserva e valorizza il capitale naturale, ottimizza i rendimenti delle risorse e riduce al minimo i rischi di sistema gestendo scorte finite e flussi rinnovabili. Il modello di economia circolare mette al centro la sostenibilità del sistema permettendo un riutilizzo quasi totale delle materie prime.

“In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera”.

Secondo la definizione della Ellen MacArthur Foundation economia circolare «è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera».

L’economia circolare è dunque un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi.

Il modello economico lineare ‘take-make-dispose’ si basa sull’accessibilità di grandi quantità di risorse ed energia ed è sempre meno adatto alla realtà in cui ci troviamo ad operare. Le iniziative a sostegno dell’efficienza – che lavorano per la riduzione delle risorse e dell’energia fossile consumata per unità di produzione – da sole possono ritardare la crisi del modello economico, ma non sono sufficienti a risolvere i problemi dati dalla natura finita degli stock.

Si pone quindi come necessaria la transizione dal modello lineare ad un modello circolare, che nella considerazione di tutte le fasi – dalla progettazione, alla produzione, al consumo, fino alla destinazione a fine vita – sappia cogliere ogni opportunità di limitare l’apporto di materia ed energia in ingresso e di minimizzare scarti e perdite, ponendo attenzione alla prevenzione delle esternalità ambientali negative e alla realizzazione di nuovo valore sociale e territoriale.


ECO PROGETTAZIONE:
Progettare i prodotti pensando fin da subito al loro impiego a fine vita, quindi con caratteristiche che ne permetteranno lo smontaggio o la ristrutturazione.

MODULARITÀ E VERSATILITÀ:
Dare priorità alla modularità, versatilità e adattabilità del prodotto affinché il suo uso si possa adattare al cambiamento delle condizioni esterne.

ENERGIE RINNOVABILI:
Affidarsi ad energie prodotte da fonti rinnovabili favorendo il rapido abbandono del modello energetico fondato sulle fonti fossili.

APPROCCIO ECOSISTEMICO:
Pensare in maniera olistica, avendo attenzione all’intero sistema e considerando le relazioni causa-effetto tra le diverse componenti.

RECUPERO DEI MATERIALI:
Favorire la sostituzione delle materie prime vergini con materie prime seconde provenienti da filiere di recupero che ne conservino le qualità.

Comart  presenta: “Barche di vita”, progetto di economia circolare  ed integrazione sociale.

 

Il progetto è sponsorizzato da UniCredit

In Sicilia ci sono diversi cosiddetti “Cimiteri delle Barche” dove giacciono  i pescherecci e barche, anche di legno, utilizzate per il trasporto dei migranti e che sono poi state requisite e abbandonate nei  cosiddetti cimiteri delle barche.

L’iniziativa di economia circolare parte dalla rigenerazione di queste imbarcazioni al fine di riportarle in vita per il loro riutilizzo, garantendo al contempo la possibilità di occupazione lavorativa agli abitanti dell’isola, e in funzione della c.d. Legge Minniti con l’adesione volontaria, dei migranti in transito in Sicilia. Com’è noto i maestri d’ascia Siciliani sono detentori di un’arte antica, di un mestiere, che sempre più si sta dimenticando in funzione dello sviluppo turistico dell’isola. Ecco dunque che il progetto prevede il restauro delle imbarcazioni attraverso il coinvolgimento dei giovani che avranno così la possibilità di imparare un mestiere antico e a loro volta tramandare un’arte ormai quasi all’estinzione. L’iniziativa ha  un valore sociale e occupazionale fortemente rilevante poiché  permette di “riportare in vita” le barche bloccate o ferme nei cimiteri delle barche e favorisce l’occupazione giovanile degli abitanti di Lampedusa anche nel periodo invernale e dunque recupera al contempo mestieri che si stanno estinguendo. Il progetto ha un’ ulteriore utilità socio-economica poiché interviene al contempo  sulle tematiche relative all’occupazione ed all’integrazione sociale dei migranti di passaggio in Sicilia.

Le barche “tornate in vita” possono essere rimesse sul mercato a più livelli:
– Barche ad uso pesca e turismo.
– Barche tradizionali di legno siciliane.


“Barche di vita” farà nascere una serie di Cantieri di Economia Circolare in cui le barche di legno, così come le prospettive future dell’economia siciliana del mare e dell’integrazione sociale, saranno rigenerate fino a riprendere vita.
La nuova iniziativa oltre a far tornare in mare le barche che hanno le caratteristiche tecniche e funzionali, in virtù dei principi dell’economia circolare, mira ad utilizzare le restanti imbarcazioni per finalità di carattere architettonico, artistico e con destinazioni alternative di utilizzo, con l’obiettivo di ridurre al minimo il residuo da smaltire .

Il modello di “Barche di vita” progetto di economia circolare  è una proprietà intellettuale, depositato attraverso pollineblockchainmark

MST Certificato di proprietà intellettuale